Dexter

Ho noleggiato il DVD della serie di Showtime, Dexter, e l’ho bevuto in due giorni, tutte e 12 le puntate.

C. Micheal Hall è bravo come lo era quando faceva il fratello gay e perbenista di Six Feet Under.

Solo che questa volta è Dexter, un serial killer munito di codice d’onore (uccide solo altri assassini)  e che lavora la laboratorio di analisi delle tracce di sangue per la polizia di Miami. La faccia perversa (e decisamente più simpatica) di Horatio Kane.

Dexter ha una vita apparentemente normale, la sua parola d’ordine è confondersi tra la gente, quindi ha un lavoro, dei colleghi che lo considerano un amico, una fidanzata che conta su di lui, una sorella adottiva – poliziotta- che lo adora.

Ma in realtà è un sociopatico, non prova nulla, alcun sentimento, se non l’impulso irrefrenabile di uccidere, possibilmente in modo sadico e rituale.

E qui entra in scena il personaggio più agghiacciante della serie: il padre adottivo di Dexter, ormai defunto, che noi conosciamo solo tramite flashback. Harry si rende conto presto che il figliolo adottato non si comporta come dovrebbe, e quindi, preso atto che non ci si può opporre a certe pulsioni, gli instilla un codice morale, e gli insegna a sopravvivere, ovvero a non farsi prendere.

Addirittura gli segnalerà la prima vittima, un’infermiera “angelo della morte” impegnata a sua volta a sopprimere pazienti incolpevoli.

Grazie a questi insegnamenti, e un po’ per carattere, Dexter è metodico, pulito, ordinato anche negli omicidi. Niente è lasciato al caso, il rituale è sempre uguale ma i corpi vengono fatti sparire, e la sua vita diurna continua tranquilla, sono gli altri ad avere problemi, è lui a risolverli.

Dexter è simpatico, ha sense of humor, e in fondo non fa niente che non faccia un qualsiasi eroe da fumetti americano, da Superman a Batman: uccide i cattivi. Solo che non lo fa per salvare il mondo, solo perchè gli va.

Lo spettatore tiene per lui, e teme per la sua sicurezza le volte in cui fa uno sbaglio, tira un sospiro di sollievo quando, con la massima nochalance e approfittando della posizione privilegiata, Dexter falsifica le prove a suo carico e cambia in questo modo il corso dell’indagine.

Ma c’è un nuovo serial killer in città,  che pare conoscere il segreto del nostro eroe. C’è da aver paura? Forse, ma forse invece vuole solo giocare, fare amicizia.

O forse è amore…

Non so se in Italia questa serie sia già arrivata. Gli attori fanno un buon lavoro, in particolare il protagonista, e io sono conquistata.

Come se non bastasse, oggi ho scoperto che la serie è tratta da alcuni libri, ne sono usciti già tre. Ovviamente li ho dovuti ordinare.

Che volete, ognuno ha le sue pulsioni incontrollabili…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...