In the news

Ok, mi piacciono i giornali. Tutti i generi, quotidiani, riviste, guide tv. E devono essere di carta: pace alla deforestazione.

In Italia ero abbonata ad un po’ di roba: settimanali, per lo piu’, o mensili, perche’ il tempo di legggere il quotidiano di carta era un lusso (paradossalmente, leggerlo su Internet era considerato accettabile, o comunque “ignorabile”, mentre aprire sulla scrivania il foglione, no).

Qui pero’ il tempo mi e’ piu’ amico, e quindi eccomi sommersa.

Venerdi’ Sabato e Domenica ricevo un quotidiano sui gradini di casa. A nessuno viene in mente di portarselo via, e le rare volte in cui aprendo la porta il giornale non e’ al suo posto, una telefonata risolve il problema in mezz’ora.

Venerdi’ e sabato, Globe and Mail, principale testata del Canada (continuo a consultarlo on line gli altri giorni, o navigheremmo davvero della carta). Domenica il Sunday Times, in diretta dagli USA. (Il Globe and Mail la Domenica non esce).

Il sabato e’ il mio giorno preferito, c’e’ l’inserto Books. E’ la prima cosa che leggo. Poi passo alle notizie.

Oggi in prima pagina: un articolo sull’avvocato difensore di un uomo islamico accusato di terrorismo. L’avvocato e’ un cristiano conservatore. Il taglio dell’articolo e’ da Suterday Special: biografia ed intervista.

Sempre in prima pagina: il governo e le popolazioni native (due articoli) e un altro Saturday Special: un uomo adulto, protagonista da bambino delle cronache per essere stato abbandonato, cerca ora i veri genitori.

Buffa prima pagina, eh? Non molti allarmismi, un paio di storie rassicuranti, un occhio alla politica intena.

Proseguiamo.

Pagina due, la storia di un prigioniero israeliano rilasciato in cambio di soldati.

Una colonna con le correzioni di edizioni precedenti

L’elenco dei giornalisti presenti in questo numero.

Pagina tre: i tour operators offrono sconti ai turisti per bilanciare il caro benzina. Accanto, i prezzi del petrolio provincia per provincia (Halifax, 140.2).

Pagine quattro: tutta la parte alta e’ dedicata al summit sul cambiamento del clima. Come le singole provincie forzano la mano al governo federale per effettuare mosse concrete.

La parte bassa: un deputato in difficolta’ legali per contributici illeciti alla campagna elettorale.

Pagina cinque e’ dedicata a Vancouver: una battaglia legale durata due anni per una casetta su un albero (oh, yeah), questioni legali legate ad Internet, lo spunto e’ un fatto di cronaca, poi il giornalista  fa un volo d’uccello sull’assenza di leggi specifiche in Canada.

Pagina sei: ancora le popolazioni native (difatti prosegue dalla prima pagina); un poliziotto accusato di eccesso di violenza contro un attivista Mohawk. Ritrovamento di un antico insediamento Acadiano in Quebec.

Pagina sette. Finalmente arriva il Grand Guignol. Sono settimane che ci bombardano (leggi: un paio di articoli al giorno) con il ritrovamento di piedi calzati in scarpe da ginnastica in British Columbia. Ne hanno gia’ ritrovati diversi, mai a paia, ovviamente tutti staccati dalla gamba. Ora forse si riesce a fare la prova del DNA. E’ il giallo dell’estate.

Prosegue dalla prima pagina l’intervista all’ex bimbo adottato.

Pagina otto: familiari di una vittima chiedono al Killer di confessare. La vittima era di Edmonton, ma l’omicidio e’ avvenuto in North Carolina, quindi non eccitatevi.

Gli immigrati trovano piu’ difficilmente lavoro rispetto a chi e’ nato qui, anche se con una buona scolarizzazione. Avvantaggiati i provenienti da paesi del mondo occidentale (sorpresa, sorpresa).

La Corte Suprema delibera sull’eta’ pensionabile, e sulle discriminazioni nei piani pensione.

Pagina nove. Il premier del British Columbia si dissocia dai Mounties che usano il taser: non li ho incoraggiati, dice.

Il caos nelle strade dopo le partite di Hockey.

Piccoli articoletti su vari fatti di cronaca.

Pagina 10: la crisi dell’industria del legno e i suoi legami con il mercato immobiliare.

E finalmente arriviamo agli esteri. Pagina 12. Un fondo sull’immigrazione in Europa. Non male.

Pagina 13: Stati Uniti. Bush si sprime sul ritiro delle truppe, forse un diplomatico americano in Iran dopo 30 anni.

Pagina 14: Un africano assalito a Pechino in attesa delle olimpiadi.

Ed eccoci ai commenti: un bell’articolo sulla nascita del socialismo in Canada, il tentativo di unificare il mercato del lavoro provincia per provincia, i diritti degli animali, lettere al giornale. Un articolo sulla legalizzazione delle droghe. Un fondo sulle prossime mosse del governo Harper.

Il giornale per il resto e’ diviso in sezioni, ciascuna staccabile: turismo, moda, arte, sport, spettacoli ecc.

Nel complesso mi pare un buon giornale (il tono e’ generalmente progressista, ovviamente, se no non lo leggerei). A parte una certa propensione per le storie strappalacrime – ma e’ una cosa proprio locale, dovreste vedere la pagina dei necrologi – gli articoli di cronaca e politica sono asciutti e ben mirati. Un argomento richiede uno o due articoli per numero, non ottantacinque, soprattutto la cronaca non indulge in dettagli sanguinevoli ed interviste alla prozia della vittima.

Come dicevo leggo le notizie, il resto lo tengo per i momenti liberi, ogni tanto ne prendo un pezzettino, e lo leggo.

Qualcuno tempo fa mi ha accusata di perdere il lagame con l’Italia. Niente paura, ho qualcuno che mi riassume Repubblica 🙂

Annunci

4 thoughts on “In the news

  1. Ciao Luca, si certo lo conosco. I quotidiani sono locali sono principalmente due, l’altro e’ il Daily news. Entrambi si occupano principalmente di cronaca locale. Un giornale interessante che puoi trovare anche on line e’ The Coast, http://www.thecoast.ca, che e’ il free paper di Halifax. Esce il giovedi’, ha un’occhio un po’ piu’ politico sugli eventi locali, e naturalmente e’ la bibbia per le cose da fare in citta’.

  2. Grazie Caterina. L’ho già messo tra i preferiti.
    Sono affamato d’ informazioni provenienti dalla città e in generale da tutta la Nuova Scozia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...