Va’ a capire l’America

Chiunque sia stato in questo paese, una settimana, 10 anni, tutta la vita, si sforza di capirlo.

E’ il festival delle contraddizioni: ci ha dato Broadway e Columbine, produce una politica imperialista da far paura, e alcuni degli attivisti più spinti al mondo, elegge Obama, ma mette all’indice i libri nelle scuole.

Ogni volta che dico a qualcuno che vivo negli USA, ottengo in cambio una piccola conferenza su come il mio interlocutore percepisce il paese. (Con il Canada la reazione varia da “chissà che freddo” a “chissà che paesaggi”)

Beh, ho il rimedio per tutti voi. E’ un libro (sorpresa, sorpresa).

Si intitola Our Patchwork Nation ed è finora la cosa più vicina ad un’analisi accurata sul paese che mi sia capitato di vedere.

Il paese che, secondo gli autori, si può dividere sommariamente in 12 diverse categorie.

Non vi faccio l’elenco completo, solo qualche cenno: i nostri autori hanno preso le contee americane (non gli stati, troppo grandi, non i centri abitati, troppo piccoli) e hanno usato il meraviglioso strumento delle statistiche. Hanno messo insieme migliaia di dati, provenienti da varie e affidabili fonti, primo fra tutto il Census Bureau. Ogni contea è stata analizzata: l’età media degli abitanti, l’etnia, il redditto, i titoli di studio, ma anche che tipo di negozi al dettaglio sono presenti sul territorio, in che misura rispetto agli abitanti, quanto spesso questi ultimi vanno in chiesa, e ultimo, ma non per importanza, come hanno votato alle elezioni degli ultimi 15 anni.

Come vivono i”Sobborghi Danarosi”? Hanno più o meno librerie degli “Epicentri Evangelici”? E i “Centri di immigrazione” hanno subito l’ultima crisi economica più o meno  “Centri di Servizio”?

Ogni contea, per stessa ammissione degli autori, subisce una riduzione a categoria, e non bisogna dimenticare che la realtà è sempre più complessa. Ma un minimo di generalizzazione era necessaria, e si esce dalla lettura con la sensazione di aver visto lati del paese che non si conoscevano.

Lo scopo degli autori è quello di abbassare la percezione che negli ultimi anni si ha dell’America come divisa in blu e rossi, democratici e repubblicani, liberals e integralisti. Secondo loro il paese ha molte più nuances: hanno ragione.

Se siete appassionati di grafici e statistiche, il sito Internet è a disposizione, per vedere dati aggiornati e verificare la posizione in cui si trova quella certa contea con cui magari avete familiarità.

Gli autori sono un professore di Government, all’Università del Maryland a College Park, e un giornalista. I due riescono a dare il meglio delle rispettive professioni, ed insieme a una lettura tecnica del paese, facciamo anche incontri molto interessanti con le facce che rappresentano le singole contee.

Annunci

2 thoughts on “Va’ a capire l’America

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...