Il Canada e lo sfruttamento dei lavoratori stranieri

Non so come mi sia sfuggito questo articolo di Febbraio sul Globe and Mail: apparentemente il governo asseconda le aziende in cerca di lavoratori temporanei (usa e getta, mi piace chiamarli) provenienti dall’estero ed emette più volentieri visti temporanei, dalla durata variabile dai pochi mesi a poco più di un anno, piuttosto che incoraggiare l’immigrazione di lunga durata tesa a produrre nuovi cittadini.

I visti a lungo termine sono rilasciati in base ad un’analisi delle esigenze e del bene del paese, mentre quelli a breve ternine esclusivamente in base alle esigenze delle aziende. Spesso secondo l’articolo i lavoratori a breve termine non hanno molti dei diritti che spettano ai canadesi, o non sono consapevoli dell’esistenza di tali diritti.

Naturalmente spesso questi lavoratori effettuano lavoti non qualificati, e la percentuale di lavoratori stranieri utilizzati a questo scopo è aumentata moltissimo nell’ultimo decennio.

Tutto ciò è riconducibile al paradosso dei paesi ricchi ed occidentalizzati, che si ritrovano ad avere al contempo un alto tasso di disoccupazione e una domanda alta per lavori non qualificati.

Così, questa è la notizia per tutti voi, che mi scrivete con informazioni riguardo a come emigrare in Canada. Il paese sta lentamente andando nella direzione degli Usa: speriamo che la tadizione canadese di paese accogliente e pacifico, con buoni servizi e tollerante non vada perduta.

Via Turismo in Canada e Italians in fuga

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...