Habemus Papam

di Nanni Moretti

Mi piace andare al cinema, mi piacciono i film perché mi piacciono le storie, quelle interessanti e ben raccontate. In rari casi, esco dal cinema in stato di grazia, la storia che mi è stata raccontata è pressoché perfetta, e io mi ci sono persa dentro, la sensazione di magia dura ancora un pò mentre torno a casa, in alcuni casi per giorni.

Questo è uno di quei film, una di quelle storie.

Un papa viene eletto, e l’uomo sotto l’abito non si sente all’altezza, non ce la fa. Mentre lui si macera nell’ansia e nel dubbio, il vaticano ed il mondo attendono, in un vuoto di leadership che spiazza e spaventa, ma crea inaspettate opportunità.

Non vi dico altro, perché non sarebbe giusto, ma il film è bellissimo, con immagini eccezionali e molta ironia, ma quasi nessun sarcasmo.

Non è una critica al clero (qui estremamente fotogenico nelle sue vesti cardinalizie) ma una riflessione sul potere e sulla responsabilità, sulle scelte e su una società che forse è ormai senza padre.

Si esce dal cinema soddisfatti ma non sazi, e resta il dubbio che, se propeio un papa deve esserci, Michel Piccoli con i suoi dubbi e le sue esitazioni, la sua dolcezza e le strade non prese, sarebbe l’unico vero papa possibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...