History of a pleasure seeker

di Richard Mason

Amsterdam, 1907, e’ la cosa migliore del libro. Cioè, l’ambientazione da primi del ‘900, i vestiti e gioielli puntigliosamente descritti, le maniere affettate importate dall’800 che entrano in un mondo moderno e un pelo senza scrupoli.

Come il protagonista, Piet, che ha del miracoloso: è bello, canta, dipinge, e’ sensibile un po’ amorale e tremendamente ambizioso.

Viene assunto da una famiglia come tutore per il bambino di casa, che rifiuta di uscire all’aperto ed e’ un cumolo di fobie. Piet piace a tutti: al suo pupillo, alla padrona di casa, al padre di famiglia, alle sorelle del pupillo, al personale di servizio, e persino quando i suoi giochi vengono scoperti, nessuna tragedia si staglia all’orizzonte ma anzi lui ne esce con grazia e vantaggi economici.

A tal punto che ci si chiede perche’ scrivere un libro per un personaggio che non solo cade sempre in piedi, ma nemmeno porta devastazione nelle vite che tocca, anzi semmai le migliora suo malgrado.

Poi la fase di Amsterdam finisce, piuttosto all’improvviso, e ritroviamo Piet su una nave da crociera diretta a Cape Town, verso nuovi intrighi e una nuova vita. L’ultima parola del libro è “Continua” e forse ci sara’ un sequel.

Ho preso questo romanzo in biblioteca perche’ ho sentito un’intervista all’autore, e potete ascoltarla anche voi, qui. Ve lo consiglio, vale la pena.

Mason sembra qualcuno con cui passerei volentieri una serata a chiacchierare. Ha vinto il Booker prize e il Grinzane Cavour (con un altro romanzo).

History of a pleasure seeker è godibile, ma un po’ vuoto, manca un proposito, o forse è intenzionale…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...