Intorno a un tavolo

In una cena tra amici, se sono l’unica presente che non è nata in America, e la gente si è ormai abituata ad avermi intorno, pertanto le molteplici conversazioni sull’Italia si sono finalmente placate, si imparano molte cose. 

Ho imparato:

 – che la conversazione sul concetto di Cultural Heritage non ha mai fine, ma in compenso è varia ed articolata, e cambia a seconda del contesto e delle persone presenti. E’ anche un bisogno primario di ogni popolo.

– che il “razzismo accidentale” non è una cosa

– che il Diorama Peep Show è l’unico modo sensato di utilizzare dei marshmallow, ed è anche una di quelle meravigliose espressioni di cultura popolare che mi fanno ricordare perché mi piace vivere all’estero. (Lebaron mi informa che i marshmallow dei peep shows non si mangiano, nemmeno se rappresentano una veduta dell’iconico Ben’s Chili Bowl su U street)

– che quando gli americani si riuniscono per vedere un evento sportivo alla tv è in realtà una scusa per fare ripasso di pop culture factoids, spettegolare e parlare di politica (o forse questi sono solo i miei amici, ma posso darmi una pacca sulla spalla per la scelta?)

– che le maglie della squadra di basket del Michigan ricordano il giallo dei Peep Show

– che la pasta fatta in casa e surgelata è ancora buona a distanza di mesi, evviva il cultural heritage.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...