Vecchi pazzi

di Sabrina Boss (Svizzera 2015)

BREAKING NEWS: Un film invece di un libro recensito su questo blog.

La capitale dell’impero offre queste chicche. Naturalmente bisogna essere vigilantissimi, lavorare alacremente per scoprire che le suddette chicche ci sono, ed avere amici altrettanto dedicati che, nel caso qualcosa ci sfugga, sono lesti a girare la notizia. (Grazie Fiore).

Così un centinaio di fortunati detective della cultura, venerdi sera hanno avuto l’occasione di vedere questo delizioso film svizzero, parlato prettamente in italiano ma anche in tutte le altre lingue dei vicini d’oltralpe. Benissimo recitato, il film tocca ancora i temi della vecchiaia, della perdita di autonomia, e del desiderio di mantenere il controllo della propria vita. Si potrebbe pensare che io sia monotematica, in questo periodo. Ma il film parla anche, con delicatezza ma senza mezzi termini, di sentimenti e sessualità nelle persone non più giovani, un argomento ancora tabù in questo mondo di volti levigati e corpi perfetti.

Una cantante alla fine della carriera, Vivi, e con problemi di salute che si vanno agravando, viene forzata dalla figlia (una meravigliosa attrice, Lucia Mascino, con cui inevitabilemente mi sono identificata) a trasferirsi in una residenza per anziani molto di lusso. Li’ Vivi incontra uno scorbutico vicino, intento a salvare dalle grinfie dell’avido nipote l’amata sala da ballo.

Dopo un inizio burrascoso i due formano un alleanza: si sposeranno e la sala da ballo diventerà un teatro musicale, dal meraviglioso nome di Vecchi Pazzi.

Inevitabilmente, l’intera comunità verrà trascinata nel dramma/commedia.

Come ho detto il film ha respito, è aggraziato ma non ha paura di affrontare temi seri, e gli attori sono -tutti – semplicemente favolosi.

Stressate l’ambasciata svizzera più vicina per uno show 🙂

NB Il film, proiettato nell’auditorium della NY university a Washington DC, è stato offerto in collaborazione dall’Ambasciata Svizzera e dall’istituto Italiano di Cultura in occasione della settimana dell’Italiano nel Mondo, il cui tema era – appunto – l’italiano e la musica.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...