The end of your Life Book Club

Di Will Schwalbe

Ancora una volta un libro che parla di malattie e di come gestire l’ansia e la paura della morte, nonce il dolore fisico, ma questa volta attraverso i libri.

Alla madre dell’autore viene diagnosticato un cancro in fase terminale, e attraverso i due anni che le restano lei e il figlio passeranno le interminabili ore dedicate alla chemio terapia a discutere di libri, scambiandoseli, suggerendoseli a vicenda, nel tentativo di distrarsi da pensieri più cupi e di mantenere uno sguardo sul mondo, quello sguardo che solo chi è lettore tenace conosce davvero.

L’occasione del libro, pubblicato dopo la morte di Anne Schwalbe, è anche una celebrazione di questa donna che doveva essere piuttosto straordinaria, con un forte coinvolgimento in missioni umanitarie, un passato da amatissimo amministratore accademico e una fortissima propensione verso gli altri.

Con tutto questo il libro, la cui dote maggiore è quella di proporre letture a tratti inusuali, ha il difetto di essere persino troppo elegiaco: capisco che si tratti di un omaggio ad una persona che ha lasciato il segno nella vita di molti, ma questa imagine da santa martire col sorriso può occasionalemte dare sui nervi.

Per cui sono ben venuti i rari momenti in cui si intravvede una Anne spazientita, distratta, ambiziosa e con l’ombra di un pregiudizio. Quasi tutti questi eventi si riferiscono al passato: Anna da in beneficienza i peluche del figlio e poi ne giustifica l’assenza dicendogli che sono morti, senza pensare alla reazione del bambino; Anne ha sempre avuto lavori impegnativi e dimostra una certa impazienza per chi non sfrutta a fondo la propria educazione; Anne scambia la propria pillola anticoncezionale con la pastiglia vermicida del cane perché il suddetto lavoro impegnativo e tre figli ogni tanto hanno la meglio su qualunque mente organizzativa; ad Anne occorrono più dei tollerati 5 minuti di silenzio per reagire positivamente alla notizia che il figlio è gay. Anne è umana, dopotutto, alleluja!

The end of your life book club si legge bene, è leggero ed un poco commovente, ma ha il difetto di presentarci una figura femminile estremante interessante, e poi lasciasci a bocca asciutta, con la voglia di sapere di più della sua vita, ora che sappiamo tutto della sua morte.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...